All’inizio di novembre un giovanissimo esemplare di squalo mako (Isurus oxyrhincus) è stato catturato, non si sa bene se accidentalmente, nelle acque di Selinunte.

La notizia di per sé non deve lasciare il lettore sorpreso: lo squalo mako è un abitante fisso del mar Mediterraneo, come testimoniato dai numerosi avvistamenti e dalle tristemente frequenti catture.



Allo stesso modo, la presenza di questo splendido animale nei nostri mari non deve impaurire: secondo l’International Shark Attack File, dal 1847 a oggi, sono soltanto 13 gli attacchi ad esseri umani documentati con certezza nelle acque italiane.
continua su balarm